Nuovo libro di Benito Giorgetta: “L’anello di congiunzione”. Catechesi di papa Francesco sulla vecchiaia

0
158

In un mondo sempre più abitato da anziani e da nonni si avverte la necessità di porre in relazione intergenerazionale gli anziani con i giovani. Solo attraverso un dialogo e una collaborazione fra le varie generazioni si può generare un anello di congiunzione che unisca, in mutuo rapporto, il mondo giovanile con quello senile. L’anziano non è un peso, non deve essere considerato uno scarto ma, nonostante la sua debolezza e fragilità, è una risorsa. I luoghi che ospitano gli anziani sono delle teche, dei santuari che custodiscono storie di vita, energie mentali, e palpiti di sentimenti esperiti e donati. Papa Francesco, anziano tra gli anziani, attraverso le sue catechesi e l’istituzione della “Giornata Mondiale dei nonni e degli anziani”, ha posto in evidenza la verità che un albero, per portare frutti, necessita delle sue radici. Gli anziani e i nonni sono le radici delle giovani generazioni. Solo così ci sarà abbondanza per tutti. Nell’abbraccio generazionale tra anziani e giovani i più forti debbono prendersi cura dei più deboli. “La Forza di una catena dipende dalla cura che viene data agli anelli più deboli” (Papa Francesco, Messaggio in occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità, 3 dicembre 2020). Dagli anziani e dai nonni fluisce verso i giovani una scuola di vita ricca di saggezza, sapienza, esperienza e desiderio di tramandare alle nuove generazioni la vita esperita. Dai giovani ci si attende la disponibilità, saggia e sapiente, a sapersi mettere in ascolto per imparare, custodire e seminare a loro volta ciò che accolgono in eredità dal mondo che li ha preceduti.

Informazioni editoriali

  • Titolo  “L’anello di congiunzione”
  • Autore  Benito Giorgetta
  • Data di uscita  2022
  • Editore  Youcanprint
  • Pagine  140
  • ISBN  9791221447842

ACQUISTA SU:

Disponibile anche su: Amazon, IBS, Mondadori, Feltrinelli, Hoepli ecc.

Articolo precedenteL’umiltà poco conosciuta del papa tedesco Benedetto XVI
Articolo successivoUmiltà è la password per trovare Dio
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).