Impariamo a capire quanta grazia c’è in questo spavento! In questa tempesta!

0
253

«Che strana quaresima. Nuova inedita, mai successo prima di ora. Sembra che Dio si sia dimenticato di noi, invece sappiamo che lui MAI si dimenticherà. San Paolo ci ricorda che “tutto concorre al bene per chi teme Dio”.

Non lasciamoci prendere dalla paura. Sarebbe il peggiore dei virus. Gesù è sulla barca con noi e fermerà la tempesta. Intanto educhiamoci a vedere.

Impariamo a capire quanta grazia c’è in questo spavento! In questa tempesta!

L’uomo è cieco, ma Dio ci vede benissimo.

Ed è il Signore che ci raggiunge sempre, prende l’iniziativa, ci insegue, ci ammaestra. Impariamo la grande catechesi che il Signore sta mettendo nelle nostre vene con la flebo della precarietà, della morte, della sosta imposta, delle restrizioni subite, del digiuno eucaristico, della mancanza della comunità.

Se solo lo desideriamo tutto può essere OPPORTUNITÀ, OCCASIONE.

Questo è il contagio che dobbiamo infettarci.

Nel nostro buio Dio vede come in pieno giorno e la nostra speranza è che in questa luce ci siamo anche noi. Apriamo gli occhi(della fede) come il cieco del Vangelo di oggi e saremo invasi. La forza di Dio strariperà nella storia di ciascuno di noi. Lasciamoci guarire interiormente. Torniamo all’essenziale quello invisibile agli occhi stanchi e distratti. Tutto questo è in agguato!

Se solo vedessimo!

Buona domenica nel Signore senza assemblea parrocchiale ma sempre e comunque col popolo, per il popolo con e per ciascuno di voi segno della presenza consolante di Dio padre.

Dal libro “PIU’ PAROLA MENO PAROLE” -Benito Giorgetta –pag.217

“L’ossigeno della vita è la consapevolezza che Dio ci ama

Il vero ricostituente per tutte le fragilità umane, il toccasana per ogni evenienza è la certezza d’essere amati, prediletti, preferiti, protetti da Dio. Davvero siamo in buone mani quando ci si abbandona alla sua volontà. Possiamo respirare a pieni polmoni l’ossigeno del suo amore per alimentare la nostra vita, anche quando saliamo vette vertiginose dove si avverte il debito d’ossigeno. La bombola da cui attingere per alimentarci è la certezza che per lui siamo importanti per questo ci vuole tutti salvi. Ed è lui a pagare ogni spesa pur di ottenere il nostro abbraccio”.

Da TermoliOnLine.it

Articolo precedenteLa cecità di chi presume di vederci
Articolo successivoGesù fa risorgere i morti viventi
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).