III Domenica di Avvento

Lo scandalo dell’umiltà e dell’amore che fanno trasparire Dio

(Isaia 35,1-6.8.10; Giacomo 5,7-10; Matteo 11,2-11)

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».
Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.
In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui»”.

Ciò che ci rende grandi e graditi a Dio è la nostra umiltà. Più si è umili e più si è somiglianti a Dio. Lui ha abbassato, ha umiliato se stesso per rendersi vicino ad ogni uomo, nessuno escluso. Chiunque “deruba” la sua vita per donarla agli altri è simile a Dio. Il paragone è assolutamente improponibile se si fa riferimento alla quantità perché Dio essendo onnipotente supera di gran lunga l’uomo, lo sovrasta e lo ridicolizza. Ma nella qualità dei suoi gesti e delle sue scelte, l’uomo, somiglia a Dio.

Ogni volta che un cristiano incarna il vangelo nella sua vita diventa una fiaccola accesa per coloro che sono smarriti, sfiduciati. Ogni volta che ci crede mette la sua vita al servizio del prossimo per amore di condivisione e per fraternità diventa un profeta di stili nuovi, di percorsi inesplorati e di sfide dal sapore e dal gusto della tenerezza donata gratuitamente.

“Dio entra nelle ferite del mondo” con l’olio della consolazione che il cristiano è capace di versare sulle cicatrici di chi è stato visitato e morso dalla sofferenza, di chi si è smarrito perché non più capace di fiducia e abbandono, di chi scappa perché non si sente accolto e consolato. Lì dove c’è una lacrima deve esserci sempre qualcuno per consolare, confortare ed essere segno e presenza di Dio che avvicina e dona conforto.

Gesù rispondendo all’interrogativo di Giovanni se fosse lui colui che doveva arrivare come messia, gli manda a dire non tanto una formula matematica, una parola magica o una teoria filosofica ma semplicemente che i ciechi vedono, i sordi odono, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono guariti e i morti risuscitano. Fatti concreti e non nebulosi e intricati concetti. A coloro che, oggi, increduli si chiedono chi sia Dio e dove sia Dio, i cristiani dovrebbero rispondere col linguaggio persuasivo dell’amore condiviso gratuitamente e generosamente con chi non ha nessun diritto ad averlo o invocarlo. 

Articolo precedenteCicli di Lectio Divine timoteane
Articolo successivoLa sinfonia dell’amore di Dio
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).