Con fede, devozione e gratitudine al Signore, la comunità diocesana si prepara a celebrare la solennità di San Timoteo, compatrono della diocesi di Termoli-Larino e della città di Termoli.

Quest’anno l’11 maggio, data in cui ricorre l’anniversario del ritrovamento delle reliquie di san Timoteo, discepolo prediletto dell’apostolo Paolo, nella cripta della Cattedrale cittadina, sarà preceduto dalla riapertura al culto della chiesa parrocchiale in programma domenica 9 maggio 2021. Alle ore 11 è fissata la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, S.E. Mons. Gianfranco De Luca. Parteciperanno S.E. Mons Leo Boccardi, da poco nominato nuovo Nunzio Apostolico in Giappone e S.E. Mons. Domenico D’Ambrosio, Arcivescovo emerito di Lecce e già vescovo di Termoli-Larino. Nel corso della cerimonia sarà dedicato il nuovo altare e saranno benedetti i nuovi luoghi liturgici.

Nella circostanza sarà inaugurato anche il “Mosaico Timoteano” che si estende per circa trecento metri, opera del maestro Michele Todisco direttore artistico della della “Poly Creations” Srls di San Ferdinando di Puglia.

Martedì 11 maggio 2021solennità di San Timoteo, è in programmaalle ore 19 il solenne pontificale presieduto da S.E. Mons. Emil Paul Tscherrig, Nunzio Apostolico in Italia, con la partecipazione del vescovo e dei sacerdoti della città.

Seguirà una breve processione intorno alla chiesa da parte dei Vescovi, del parroco Benito Giorgetta e di tre sacerdoti. Al termine, sul sagrato della chiesa, sarà invocata, per intercessione di san Timoteo, la benedizione sulla citta di Termoli. La cittadinanza tutta sarà rappresentata dal Sindaco Francesco Roberti, dal vicesindaco e dal Presidente del Consiglio Comunale.

Tutte le celebrazioni si svolgeranno nel rispetto dei protocolli anti-Covid. I posti in chiesa saranno disponibili per 200 persone.

L’intervento di ristrutturazione della chiesa parrocchiale di San Timoteo è stato finanziato con i fondi dell’otto per mille destinati alla Chiesa cattolica, con la contribuzione volontaria dei fedeli con offerte libere e con un’apposita lotteria la cui estrazione è stata rinviata al prossimo anno.

 

La riapertura di una chiesa – afferma il vescovo Gianfranco De Luca – rappresenta  sempre un momento significativo per la vita di una comunità cristiana che rientra, esprimendo gioia e gratitudine al Signore, in un luogo rinnovato nel suo insieme in cui ritrovarsi e vivere la propria fede. Un segno di grande speranza, in un tempo di fatica e sofferenza, che richiama la figura e l’esempio di San Timoteo del quale è sempre vivo il ricordo del pellegrinaggio straordinario dello scorso anno a Roma condiviso insieme a Papa Francesco.

Colgo l’occasione per ringraziare di cuore tutti coloro che hanno contribuito, in varie forme, alla ristrutturazione della chiesa parrocchiale e, nella preghiera, ci prepariamo a vivere queste intense giornate”.

 

Articolo precedenteDove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla
Articolo successivo«Io sono la vite, voi i tralci»
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).