No alle Chiese chiuse nei propri recinti, rischiano di “atrofizzarsi e spegnersi”. È il monito di papa Francesco, che oggi ha ricevuto in udienza nella Sala Clementina in Vaticano i partecipanti alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli guidata dal cardinale Fernando Filoni. (LEGGI IL TESTO)

“Vi ringrazio per il vostro lavoro di animazione e cooperazione missionaria, con cui ricordate a tutte le Chiese che, se costrette nei propri orizzonti, corrono il pericolo di atrofizzarsi e spegnersi. La Chiesa – ha ricordato il Papa – vive e cresce ‘in uscita’, prendendo l’iniziativa e facendosi prossimo. Perciò voi incoraggiate le Comunità ad essere generose anche nei momenti di crisi vocazionale. “La Missione, infatti, rinnova la Chiesa, rinvigorisce la fede e l’identità cristiana, dà nuovo entusiasmo e motivazionì”.

Il Papa ha raccontato di avere “toccato con mano il dinamismo spirituale e pastorale di tante giovani Chiese” del continente africano nel corso del viaggio apostolico dei giorni scorsi. “Quanti anonimi buoni samaritani lavorano ogni giorno nelle missioni!”, ha osservato il Papa, invitando a imitare questo spirito di missionarietà.
Articolo precedenteAlla Festa della Creazione
Articolo successivoDirottare verso Dio. Costruttori di nuovi percorsi. II Domenica di Avvento – C
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).