Il mio peso è l’Amore;
da lui sono portato
dovunque mi porto.
Dal tuo dono siamo infiammati
e portati verso l’alto;
ci infiammiamo e così ci muoviamo.
Saliamo la salita del cuore
cantando il cantico dei gradini.
Dal tuo Fuoco siamo infiammati e mossi:
saliamo verso la pace di Gerusalemme.
«Quanto sono lieto nel sentirmi dire
che andiamo alla casa del Signore!».
Là ci depositerà la buona volontà,
così che nulla più desidereremo
se non rimanervi in eterno.

SANT’AGOSTINO

Articolo precedente«Il perdono rende la società meno cattiva»
Articolo successivoXXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 8 novembre 2015
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).