Nel nostro opulento mondo occidentale ci riesce difficile comprendere che cosa significhi avere fame e poi, in modo sorprendente, essere saziati con abbondanza. Nel nostro mondo presuntuoso siamo convinti di avere risposte tecniche ed efficaci per ogni problema ed è perciò più arduo saper apprezzare gesti gratuiti. Alle prese, malgrado tanto progresso, con le realtà macroscopiche di gente che spasima sotto la soglia della sopravvivenza fisica e altra – anche (soprattutto?) nel mondo ‘ricco’ – che boccheggia per mancanza di valori, di senso, di una qualità umana del vivere, sono disposto a mettere in gioco i miei «cinque pani e due pesci»? Ho il coraggio di perderli per darli al Signore, così che tanti possano vivere? È un gesto impossibile fin quando penso che ho di ritto a tenermi ben stretto ciò che possiedo. Riesco a condividere solo se cambio mentalità, e quindi sguardo: se non vedo nell’altro un rivale, ma un figlio come me dell’unico Padre; se comprendo che insieme siamo parte di un unico corpo. Allora ciò che ho – e più ancora ciò che sono – non è dato a me perché solo io ne goda, ma mi è affidato perché tanti possano divenirne partecipi.

Qualcuno ha detto che si possiede veramente solo ciò che si dona. Il miracolo della “moltiplicazione dei pani” può continuare, se lo permetto…

Articolo precedenteXVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 2 agosto 2015
Articolo successivoIl rospo nel pozzo
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).