“Un evento di grazia”: Termoli saluta la reliquia di Santa Agostina Pietrantoni

0
80

TERMOLI. Con la Santa Messa celebrata da Monsignor De Luca si chiude il triduo dedicato a sant’Agostina Pietrantoni.

Tre giorni intensi rivolti alla figura di sant’Agostina -la cui reliquia è arrivata ed è stata adorata nella chiesa di san Timoteo- tre giornate intense dedicate dapprima all’accoglienza della sacra costola della Santa; poi il momento di intensa preghiera all’hospice di Larino -quando nella mattina della prima giornata – la reliquia è stata accolta dal dottor Mariano Flocco; poi la Santa Messa celebrata da don Benito e che ha visto san Timoteo ospitare i “camici bianchi” e il personale sanitario, tra cui l’associazione santa Giovanna Antida Thouret di Foggia e come ultima giornata la Santa Messa celebrata dal vescovo Gianfranco De Luca.

Presente per questa terza giornata il sindaco Francesco Roberti e il vice sindaco Vincenzo Ferrazzano. Presenti le suore della carità e le suore di Santa Giovanna Antida Thouret – abbiamo intervistato anche suor Anna Antida Casolino – postulatrice generale per la congregazione delle cause dei Santi.

Un momento di preghiera unico, così come unica è stata la testimonianza di suor Lucilla, del gruppo di santa Giovanna Antida di Termoli.

Abbiamo intervistato anche Gerry Capurso che ha seguito in toto l’arrivo della reliquia: “Era il 12 settembre quando con il gruppo di amici dell’associazione santa Giovanna Antida Thouret ci siamo recati a Pozzaglia Sabina- paese natale della Santa- e siamo venuti a conoscenza dell’inizio del pellegrinaggio delle reliquie di sant’Agostina e la prima tappa era a San Vittorino di Tivoli – un noto santuario della Madonna di Fatima – e proprio in quel momento assieme a suor Lucilla è nata l’idea di ospitare la reliquia a Termoli”.

Un triduo seguitissimo da numerosi fedeli -e che lo stesso tempo avverso – non ha fermato la devozione e la volontà di pregare dinanzi la costola ferita della Santa da una delle sette coltellate.

Don Benito Giorgetta, parroco della chiesa di san Timoteo che ha ospitato l’evento, ai nostri microfoni ha raccontato l’importanza dello stesso: “Un evento di grazia, proprio per i contenuti che questo momento porta con sé. La testimonianza di una suora, una giovane trentenne che mentre era infermiera venne uccisa da colui che la stessa Agostina stava curando e lei lo perdona in punto di morte. Poiché a chi viene martirizzato la vita non è tolta, ma donata, perché sant’Agostina non ha avuto parole di riprovazione, ma soltanto parole di conforto e perdono”.

Il perdono come arma vincente non soltanto in certe occasioni, ma nella vita di tutti i giorni; poiché il perdono rappresenta proprio quello spiraglio di luce in mezzo alle tenebre da cui sempre più spesso è avvolto questo mondo.

Articolo precedenteVisita di pellegrini croati di Sibenik
Articolo successivoÈ la perseveranza la porta della salvezza 
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).