Riflessione di don Benito Giorgetta in occasione del “congedo” da Sara Anna, giovane ragazza deceduta a causa di un incidente stradale. Nella parrocchia di San Timoteo, inoltre, Sara Anna ha ricevuto i sacramenti della Prima Comunione e della Cresima.

«L’esistenza di Sara Anna, all’anagrafe umana è durata troppo poco, diciassette anni appena, per poter realizzare tutti i suoi sogni. Ma è bastata, anche se fugace come una meteora, a lasciare una traccia luminosa ed intensa. Tutti coloro che l’hanno conosciuta hanno avuto modo di apprezzarne, oltre la bellezza fisica, il sorriso sempre stampato, quasi tatuato, sul suo volto. La spensieratezza e il vigore dei suoi anni giovanili, hanno disegnato a matita il suo futuro. Sono stati desideri non realizzati perché spezzati da un mortale, maledetto incidente in cui ha perso la vita. Si la vita! Avrebbe avuto tutto il tempo di disegnare con tratti definitivi il suo futuro. A lei non è stato possibile d’essere stella del firmamento umano, solo meteora, ma ora brilla nel cielo dove non c’è mai tramonto.

Il congedo dalla sua famiglia, dalla sua scuola, dalle sue amicizie, dai suoi hobby, è stato tragico, repentino e definitivo. Ha lasciato tutti noi ammutoliti, avvolti dal silenzio, inondati dalle lacrime, sommersi dai perché, sconfitti dalla realtà.

Un fiore reciso prima di sbocciare, una farfalla ancora nel bozzolo prima di spiccare il suo volo. Eppure ha radunato attorno a sé, in occasione del congedo tanta, tantissima gente, soprattutto giovani, coetanei, disegnatori e sognatori di futuro come lei.

Quanti genitori hanno stretto a sé i propri figli in questi giorni con abbracci più poderosi, con maggiore intensità, prolungatamente, quasi a riscoprire la propria genitorialità?

Quanti giovani avranno pensato: “E se al posto suo ci fossi stato io?”.

Quanti educatori hanno messo in discussione il proprio metodo, le proprie strategie educative?

Quanti hanno pensato al dolore immenso dei suoi genitori, del suo fratellino e dei suoi familiari?

Quanti abbiamo desiderato impegni più concreti, meno egoistici, più propositivi?

Quanti abbiamo sognato relazioni più intense, più vive, più costruttive? Tutto questo, se è successo, o, se succederà, è un riflesso della luce di questa meteora che è stata Sara Anna.

La vita è un dono e noi siamo chiamati a farne un capolavoro. La vita va vissuta docilmente e intensamente in tutte le sue emozioni e sfumature. Non va lasciata a sé stessa, non va abbeverata o assecondata in ogni suo desiderio, occorre anche una disciplina, un ideale, un traguardo da raggiungere. “La vita, – diceva don Silvio nell’omelia del funerale – cari giovani, non va sfidata ma accarezzata”.

Cara Sara Anna, la tua luce, ora, è nel firmamento dell’eternità. Aiutaci, intercedendo per noi. Aiuta mamma, papà, tuo fratello e tutti i tuoi familiari. Aiuta i tuoi compagni ed amici a continuare a sognare e tessere il loro futuro. Aiutaci a non far cadere per terra le nostre lacrime, diventerebbero fango. Aiutaci ad indirizzarle verso il cielo saranno come perle al sole e si uniranno alle lacrime di tutti i pianti umani. Ognuno piange per un motivo diverso, ma tutte le lacrime che solcano i volti umani sono preziose.

Ora che sei stella, illumina il cammino di tutti noi, aiutaci e contagiaci col tuo sorriso, con il desiderio della progettualità. Ora che navighi nel mare dell’eternità, tu che desideravi navigare negli oceani umani, aiutaci ad essere il nostro navigatore per tracciare la nostra rotta, tu hai avuto un approdo sicuro: il cuore paterno e materno di Dio.

Insegnaci a comprendere che una barca per andare avanti ha bisogno di due remi, che sincronicamente si muovono imprimendole la forza di avanzare. Grazie per averci “costretti” a riflettere, ad incontrarci, a piangerti, a desiderarti tra noi, tu che sei stata meteora ma hai brillato e brilli più di una stella».

Don Benito Giorgetta

Articolo precedenteQualche motivo spirituale per cui Dio potrebbe permettere la malattia
Articolo successivoLa vera razionalità dell’amore è la follia
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).