La domenica delle palme detta anche domenica della passione del Signore ci consegna una reiterata verità:Dio ci ama. Dio mi ama. Dio ti ama. Questo amore diventa una passione che lo porta a salire non la scala della gloria del successo del predominio ma quella dello scandalo, della sconfitta, dell’abbandono. La croce di Cristo è l’Everest dell’amore è un amore apicale. Più grande, più vero, più profondo, più gratuito di così è impossibile. Ci ama da Dio. Come solo Dio da fare. Come solo Dio può fare. È sempre l’uomo il punto di convergenza verso cui Dio si dirige. L’uomo è il punto di interesse dell’itineranza di Dio. Allora sentiamoci raggiunti facciamoci raggiungere ed sbracciare dal suo amore. Dio ci può abbracciare anche in tempo di covid19 e magari questo abbraccio ci contagiasse e ci rendesse “untori” contagiatosi. Sarebbe la pandemia dell’amore. Così dobbiamo fare questo dobbiamo desiderare per questo sentiamoci impegnati a questo sentiamoci inviati.
Lo auguro a me lo auguro a te per questo preghiamo nel tempo “dell’esilio” e testimoniamolo nelle nostre “chiese domestiche”.
.

[su_document url=”https://www.santimoteotermoli.it/wp/wp-content/uploads/2020/04/4_5780762716100626225.pdf” height=”900″]

Articolo precedenteDon Benito in diretta a Telemolise
Articolo successivoIl vero potere è il servizio
La Parrocchia di San Timoteo di Termoli fu costituita da Mons. Oddo Bernacchia, con bolla 1/1/1954. La Chiesa di San Timoteo di Termoli è una struttura neogotica con una sola navata, e fu costruita su progetto dell’ing. Ugo Sciarretta. Unica nel suo genere vanta il prestigio d'essere una delle prime chiese costruite in cemento armato senza colonne centrali per questo ha meritato d'essere citata anche nei libri di storia dell'arte. Il vescovo Mon. Oddo Bernacchia avendo dato questo titolo alla neo parrocchia lo fece con l'intendo" di rendere omaggio al diletto discepolo di Paolo, San Timoteo il cui venerato corpo tornava alla luce, nella nostra Cattedrale, nel maggio del 1945 per u na fortuita circostanza.... "La chiesa ad una sola navata si dispiega ampia e solenne; con le pareti solcate dda strutture portanti che accennano ad uno stile leggermente gotico, invita ad elevare lo spirito a Dio nello slancio della preghiera (Mons. Biagio D'Agostino, Termoli e la sua Diocesi, 1978, p.179).